29
Luglio

Italia campione del Mondo in architettura sostenibile

Pubblicato in Dal mondo

I Mondiali di calcio sono finiti, ma, fortunatamente per noi italiani, non sono stati l’unica competizione internazionale a cui abbiamo partecipato. Il trionfo, invece, è stato registrato nella Solar Decathlon Europe 2014, dove il progetto vincitore viene dal belpaese. Durante questa gara internazionale di architettura e urbanistica sostenibile promossa dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, il progetto RHOME FOR DENCITY ha trionfato, superando i francesi PHILEAS, gli olandesi HOME WITH A SKIN, e i restanti 17 team provenienti da tutte le parti del mondo. La competizione, che vedeva impegnate Università di tutto il mondo, consisteva nel progettare, costruire e rendere operativa una casa funzionante interamente con energia solare.
Con 840,63 punti il Team italiano dell’ “Università degli Studi di Roma Tre” si è aggiudicato la vittoria, battendo per poco i cugini francesi: l’appartamento ideato dal gruppo, che misura 76 metri quadrati, unisce un’elevata efficienza energetica con una distribuzione degli spazi flessibile. Attraverso metodi di costruzione avanzati RHOME FOR DENCITY ha applicato svariate soluzioni ingegneristiche passive, dall’inerzia termica alla ventilazione naturale, al fine di ridurre al minimo il consumo energetico.
Il progetto romano parte da una stima della sovrappopolazione prevista entro il 2050: dagli attuali 7.2 miliardi di abitanti, la Terra passerà a 9 miliardi di persone che avranno bisogno di cibo, acqua ed energia per sopravvivere. A questo si aggiunge che il 72% delle persone vive nelle grandi città e che il consumo di energia dovuto agli edifici è pari al 45% del fabbisogno totale.
Le grandi città affrontano quotidianamente il problema del degrado, non solo del tessuto architettonico e urbano ma soprattutto sociale, degrado che aumenta esponenzialmente con l’aumento della popolazione e l’impoverimento delle masse. Con questi concetti in mente il progetto nostrano tenta di dare una risposta ai problemi delle grandi città, attraverso l’elaborazione di un metodo di insediamento replicabile, che può portare alla rigenerazione delle città esistenti. Si cerca di trasmettere un semplice principio di base: ”pensare globalmente, agire localmente”.
“Nel mondo di oggi il rispetto per l’ambiente significa progettare edifici che non utilizzano una quantità indiscriminata di energia e sono prodotti con fonti rinnovabili. Infatti, la produzione di energia solare e l’utilizzo di sistemi ad alta efficienza non sono sufficienti a compensare i rifiuti prodotti durante l’intero ciclo di vita degli immobili moderni. Utilizzando uno stile innovativo e metodi di costruzione avanzati, RhOME si concentra su nuovi concetti di sostenibilità ambientale per ottimizzare le risorse climatiche e i materiali locali, ricorrendo ad una serie di strategie passive come, ad esempio, la morfologia strategica della casa, la progettazione dell’involucro edilizio, l’inerzia termica garantita da masse termiche naturali e la ventilazione naturale ottenuta tramite aperture posizionate strategicamente per innescare una ventilazione incrociata.”